Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Forex

Forex USD, nuove buone dal lavoro USA

Continuano ad inanellarsi le buone notizie provenienti dal mercato del lavoro a stelle e strisce. Nel corso degli ultimi giorni è stato confermato che a partire già da questo mese di gennaio, il salario minimo verrà alzato in 19 stati, fra cui la California, New York, Massachusetts, Washington, Arizona, Colorado. Alcuni di questi aumenti sono stati votati con specifiche proposizioni elettorali l’8 novembre, altri derivano invece da meccanismi di indicizzazione. In alcuni altri stati ci saranno aumenti che entreranno in vigore nel corso del 2017. Le variazioni del salario minimo contribuiranno a sostenere la moderata accelerazione salariale prevista per il 2017, e i cui effetti potrebbero già essere tangibili al termine del primo trimestre dell’anno in corso.

Forex USD, cosa ci comunicano i verbali FOMC di novembre

I verbali della riunione del FOMC di novembre, pubblicati nella serata di ieri, confermano che, anche prima delle elezioni presidenziali che hanno visto la vittoria di Donald Trump, il Comitato di politica monetaria della Fed era ampiamente favorevole a un rialzo dei tassi in tempi ravvicinati. La valutazione dello scenario era generalmente positiva, con “una sostanziale maggioranza” che riteneva i rischi “circa bilanciati” e alcuni che invece giudicavano ancora presenti rischi verso il basso legati alle risorse inutilizzate sul mercato del lavoro.

Forex USD, vince Trump: ecco le ripercussioni sul dollaro

dollari

Nuove ampie turbolenze sui mercati questa notte mano a meno che lo spoglio dei voti mostrava la probabile vittoria di Trump, che è alla fine stata confermata con il superamento della soglia dei 270 voti necessari per la vittoria matematica. Una conferma che ha generato prevedibili shock sui mercati finanziari, e che è stata accompagnata da una serie di ripercussioni altrettanto prevedibili.

Settimana Forex, cresce l’attesa per il FOMC

Come era ampiamente prevedibile, i mercati finanziari stanno alimentando una crescente attesa nei confronti della imminente riunione FOMC. Una riunione, quella del comitato della Federal Reserve, che dovrebbe comunque assumere dei connotati di interlocutorietà, data l’imminenza del voto per le presidenziali, e che dovrebbe dunque confermare fermi i tassi di interesse di riferimento, e rimandare a dicembre nuovi interventi.

Forex USD, dollaro in scia su nuove attese per rialzo tassi Fed

La settimana si è aperta con il dollaro statunitense ancora in posizioni di relativa forza sulle principali controparti internazionali, sulla scia delle aspettative che la Federal Reserve alzi i tassi di interesse di riferimento entro il 2016 e sulla prospettiva che i Democratici possano vincere le Presidenziali americane.

Verbali FOMC spingono al rialzo il dollaro

Come era ampiamente lecito attendersi, il dollaro statunitense si è apprezzato ulteriormente nel corso delle ultime ore, andando a rivedere i livelli massimi che erano stati abbandonati a marzo scorso. I verbali del FOMC pubblicati nella serata di ieri, a mercati (europei) chiusi, hanno infatti confermato che una maggioranza dei partecipanti è incline ad alzare i tassi di riferimento Fed relativamente “presto”. Una posizione che, tradotta in termini ancora più concreti, potrebbe significare una mossa simile entro la fine dell’anno, purché i dati confermino che il raggiungimento degli obiettivi è davvero vicino.

Dollaro apre settimana al rialzo

dollaro

Il dollaro statunitense ha aperto la settimana al rialzo, dopo aver riscontrato un cedimento post-employment report di venerdì probabilmente eccessivo. Sebbene il dossier sull’occupazione abbia infatti denotato un incremento del tasso di disoccupazione dal 4,9 per cento al 5 per cento, su attese di stabilizzazione al 4,9 per cento, è anche vero che complessivamente deve essere riconosciuto al report il grande merito di aver confermato una strada di costante ripresa del mercato occupazionale.

Dollaro in rialzo dopo riunione BoJ

Il dollaro statunitense si è apprezzato in apertura di mattinata come diretta risposta all’annuncio di policy della Bank of Japan, che ha stupito buona parte degli analisti finanziari. Ma non solo: il dollaro statunitense ha tratto altresì giovamento su aggiustamento di posizioni in attesa del FOMC di questa sera, portandosi in vicinanza dei massimi di inizio agosto.