Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Come identificare supporti e resistenze nei grafici

Consigliati 
logo optionbitRendimenti delle
60 secondi al 76%


Software trading Automatico

Visita OptionBit

iqoption_logo_miniDeposito minimo 10$

Trade minimo 1$


Visita Iqoption

supporti e resistenzeL’analisi tecnica è una metodologia di osservazione dell’andamento dei prezzi dei cross valutari che consente al trader di identificare il trend del mercato e i principali livelli-chiave del prezzo, sui quali poter impostare una strategia operativa. Questi livelli di prezzo significativi vengono chiamati supporti e resistenze. Nel caso del supporto ci si riferisce a un contesto di mercato che vede i prezzi non riuscire a scendere ulteriormente, in quanto su un determinato livello (ma più spesso un’area di prezzo) viene generata una forte pressione in acquisto che consente ai compratori di prevalere sulle forze venditrici.

Nel caso di una resistenza, invece, accade esattamente l’opposto. I prezzi non riescono a salire ulteriormente, in quanto incontrano una forte opposizione dei venditori in un preciso punto del mercato (ma più spesso un’area di prezzo). La pressione ribassista non consente ai compratori si spingere al rialzo le quotazioni, aprendo le porte all’inizio di un nuovo trend ribassista.

Supporti e resistenze sono presenti in qualsiasi metodologia di trading che utilizza l’analisi grafica dei prezzi. Questi key-level possono essere sia statici che dinamici. I supporti statici sono riconoscibili dal fatto che è possibile unire con una linea orizzontale due o più punti sul grafico dei prezzi, dove si è fermato il trend ribassista del mercato.

Di converso le resistenze statiche sono riscontrabili quando è possibile unire con una linea orizzontale due o più livelli-tecnici che hanno impedito un’ulteriore salita dei prezzi. Supporti e resistenze dinamiche, invece, possono essere ottenuti sia dall’unione di massimi e minimi sul grafico (trendline, canali) sia con precisi indicatori (medie mobili).

Una trendline identifica un supporto dinamico quando è possibile tracciare una linea che unisce due o più minimi crescenti lungo un trend direzionale. Unendo massimi decrescenti si ottiene una trendline che identifica una resistenza dinamica. Le medie mobili possono diventare supporti/resistenze dinamiche quando siamo in presenza di trend molto direzionali: i periodi migliori da utilizzare sono 20, 50 e 200.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *