Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Come investire nel Forex: i metodi

Consigliati 
logo optionbitRendimenti delle
60 secondi al 76%


Software trading Automatico

Visita OptionBit

iqoption_logo_miniDeposito minimo 10$

Trade minimo 1$


Visita Iqoption

Per cercare di capire e analizzare il variegato mondo del forex esistono diversi approcci. Le metodologie di investimento più in voga tra analisti e trader delle sale operative sono: analisi fondamentale, analisi tecnica, analisi intermarket. In tutti e tre i casi si cerca di formulare previsioni sul futuro andamento delle quotazioni in un arco di tempo piuttosto ravvicinato (solitamente non oltre le due settimane). L’outlook sul forex nel lungo periodo è una strada quasi impraticabile in quanto entrano in gioco troppe variabili, in grado di cambiare radicalmente il sentiment di mercato anche in pochi minuti.

Il primo approccio, ovvero con l’analisi fondamentale, è utilizzato dai trader che vogliono investire sul forex attraverso lo studio dei rapporti economici rilasciati quotidianamente sui mercati finanziari. La comunicazione dei dati macroeconomici più importanti, noti anche come market mover, ha la capacità di influenzare le oscillazioni delle valute e di consentire ai trader di impostare strategie sia intraday che multiday.

L’analista fondamentale studia gli indicatori economici più importanti, come il pil, la disocupazione o l’inflazione, che hanno una stretta correlazione con i tassi di interesse e di riflesso anche sui rapporti di forza tra le diverse valute. Un ruolo fondamentale viene giocato dalle politiche monetarie e fiscali dei paesi, che sono in grado di influenzare notevolmente l’andamento delle valute nel medio periodo. Il secondo metodo di investimento è l’analisi tenica, che sposta il focus solo sulle oscillazioni e le variazioni dei prezzi sul forex. In questo caso, il trader prova a formulare previsioni attraverso lo studio dei grafici, fotografando i trend dei cross valutari e i punti di svolta del mercato più plausibili.

Alla base dell’analisi tecnica c’è il concetto di trend: il trader andrà alla ricerca di tendenze ben definite da cavalcare sia al rialzo che al ribasso. Il terzo metodo è l’analisi intermarket. Questa metodologia, meno nota e diffusa tra i trader, studia le correlazioni tra tutti i mercati finanziari e l’influenza esercitata sul mercato forex. Da qui emerge che ci saranno valute più speculative, altre più difensive, valute pregiate e valute correlate all’andamento delle materie prime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *