Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Come investire nelle opzioni binarie nei periodi di risk on e risk off

Consigliati 
logo optionbitRendimenti delle
60 secondi al 76%


Software trading Automatico

Visita OptionBit

iqoption_logo_miniDeposito minimo 10$

Trade minimo 1$


Visita Iqoption

risk off

I termini risk on e risk off sono vocaboli tecnici piuttosto ricorrenti, in grado di descrivere sinteticamente i momenti in cui i mercati finanziari sono dominati dall’ottimismo (risk on) e dal pessimismo (risk off). In particolar modo, nelle fasi di risk on gli investitori cercano soprattutto attività finanziarie più rischiose per poter incassare alti rendimenti; nelle fasi di risk off accade il contrario, con gli investitori che si tutelano attraverso strumenti di protezione e di sicurezza.

Cosa succede nelle fasi di risk on e risk off

Introdotto quanto sopra, possiamo ben ricordare come durante le fasi di risk on gli investitori acquistino maggiormente azioni, materie prime e valute ad alto rendimento, utilizzando una maggiore leva finanziaria. Di contro, nelle fasi di risk off la tutela avviene vendendo azioni, materie prime e valute ad alto rendimento e, di contro, acquistando titoli di Stato sicuri, a fronte di un più basso rendimento.

Investire nelle fasi di risk on e risk off grazie all’analisi Intermarket

Per cercare di destreggiarsi nel migliore dei modi in un contesto così complesso, è bene cercare di analizzare quali siano le relazioni esistenti tra i diversi mercati finanziari attraverso un’analisi Intermarket.

Sostanzialmente, e fatta salva la necessità di dover procedere a una corposa sintesi, possiamo segnalare come nel breve termine le correlazioni che esistono tra i vari asset sono in grado di subire cambiamenti rilevanti, ma nel medio termine alcuni legami rimangono invece saldi (ma non assoluti). E così, nel breve termine, ad esempio, tra i crossi EUR / USD e USD / CHF esiste una correlazione negativa, tanto ahce quando l’EUR / USD sale, di norma l’USD / CHF scende, o viceversa. Inoltre, l’Euro è positivamente correlato agli asset finanziari correlati negativamente con il Dollaro. Pertanto, il cambio EUR / USD cresce favorendo una salita delle Borse, mentre quando è il Dollaro a rafforzarsi, si innesca generalmente una discesa dei listini.

Dunque, e rimandando a successivi approfondimenti, compresa la correlazione potenzialmente esistente tra diversi asset, possiamo altresì aggiungere che quando sul mercato si vive una situazione di risk on, la liquidità di sposta verso i mercati azionari, con conseguente apprezzamento dell’Euro, e indebolimento del Dollaro, rafforzamento delle materie prime e delle valute che offrono maggiori tassi di interesse. Nella fase di risk off la liquidità si sposta invece verso asset con basso profilo di rischio, con calo delle Borse e delle materie prime. Sul Forex si registra invece un incremento di forza delle valute più sicure, come il franco svizzero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *