Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Come leggere i segnali dei grafici con l’analisi tecnica

Consigliati 
logo optionbitRendimenti delle
60 secondi al 76%


Software trading Automatico

Visita OptionBit

iqoption_logo_miniDeposito minimo 10$

Trade minimo 1$


Visita Iqoption

Fare trading leggendo i grafici dei prezzi con l’analisi tecnica dei mercati finanziari vuol dire applicare le proprie strategie operative senza tener conto del costante flusso di notizie quotidiane e dei rapporti economici provenienti da paesi e mercati diversi. E’ chiaro che si può fare trading anche sulle news e i market mover, ma questo è un altro discorso che merita di essere approfondito in un altro momento. Alla base dell’analisi tecnica c’è l’osservazione del movimento di prezzi attraverso l’utilizzo dei grafici.

L’analista tecnico assume a livello statistico che se un determinato evento è già accaduto in passato, a parità di condizioni generali potrà ripetersi in futuro. Le notizie non interessano ai “graficisti”, in quanto si ritiene che quando vengono pubblicate sono state già incorporate nei prezzi in tutto o parte. Solo i cosiddetti possono davvero sfruttare a proprio vantaggio il flusso di notizie. Grazie insider traders all’analisi grafica, invece, vengono individuati particolari modelli grafici (pattern) e movimenti del prezzo ripetitivi (price action), che possono essere catalogati.

Ciò è possibile perché i mercati finanziari sono dominati dalla psicologia, per cui si trovano tutti i principali stati d’animo degli investitori: paura, avidità, euforia, speranza, panico, depressione. E così via. Questi comportamenti tendono a ripetersi nel corso del tempo e possono essere catalogati. Quando legge un grafico dei prezzi, l’analista tecnico si chiede quale potrà essere la direzione del mercato in base all’ultima manifestazione del comportamento dei trader, cercando di capire se il movimento dei prezzi è stato favorito dall’azione dei piccoli trader (il cosiddetto “parco buoi”) o dai large traders (i grandi investitori istituzionali altamente capitalizzati).

L’analista tecnico troverà maggiori spunti operativi nei mercati più attivi e liquidi, come il forex, dominato dall’azione di banche centrali e investitori istituzionali. Quanto più uno strumento finaziario sarà liquido, tanto maggiore sarà la chiarezza dei grafici e quindi la facilità con cui mettere a punto strategie di trading. L’analisi tecnica non è però una scienza, bensì un’arte che prova a indentificare nei comportamenti ripetitivi del mercato le probabili evoluzioni dei prezzi da un punto di vista probabilistico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *