Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Controllare il rischio nelle opzioni binarie

Consigliati 
logo optionbitRendimenti delle
60 secondi al 76%


Software trading Automatico

Visita OptionBit

iqoption_logo_miniDeposito minimo 10$

Trade minimo 1$


Visita Iqoption

L’appeal verso le opzioni binarie è in forte aumento soprattutto tra i trader alle prime armi, che trovano in questo strumento di investimento una grande facilità nella gestione del rischio (risk management). Grazie alla semplicità d’uso intrinseca di questi strumenti, anche i trader con una bassa preparazione tecnica possono trovare spunti interessanti per inserirsi in modo profittevole sui mercati finanziari ma soprattutto senza incontrare particolari problematiche nella gestione del rischio di investimento. Infatti, la perdita è ben nota dall’inizio e non potrà cambiare per nessun motivo.

Rispetto al classico investimento cash sul forex, le azioni o le commodity, le opzioni binarie consentono al trader di non preoccuparsi nella definizione dello stop loss iniziale. Infatti, lo stop di protezione non è necessario come per altri mercati, dove l’inserimento di questa sorta di “assicurazione” permette al trader di evitare perdite non preventivate inizialmente. Nel trading in opzioni binarie non serve inserire stop loss di protezione.

Il trader dovrà solo preoccuparsi di capire quanto capitale investire in una singola operazione, ovvero il cosiddetto “position sizing”, partendo da una valutazione a monte del proprio livello di tolleranza al rischio. La perdita sarà poi sempre limitata al capitale investito e non si andrà mai incontro a perdite ulteriori rispetto a quelle stabilite nel contratto. Bisogna poi ricordare che diversi broker consentono anche di recuperare una piccola parte dell’importo investito, limitato al 10-20% del totale.

E’ fondamentale, dunque, capire quanto si è disposti a perdere in ogni operazione di trading, magari aumentando leggermente il rischio per le transazioni di breve-medio periodo e riducendo quello per le transazioni più veloci, come quelle a 60 secondi o a 60 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *