Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Conviene usare semplici strategie per le opzioni binarie?

Consigliati 
logo optionbitRendimenti delle
60 secondi al 76%


Software trading Automatico

Visita OptionBit

iqoption_logo_miniDeposito minimo 10$

Trade minimo 1$


Visita Iqoption

analisi tecnica

Seconda la nostra esperienza possiamo sostenere con certezza che non conviene mai fossilizzarsi su un’unica singola strategia, ma testarne molte, in base al tipo di mercato.

Le strategie possono funzionare, a seconda delle caratteristiche del bene o dell’asset su cui si decide di investire, un’unica buona strategia per tutti i beni e tutte le scadenza non è possibile.

Proponiamo alcune semplici strategici per le opzioni binarie, il cui obiettivo è quello di sfruttare la volatilità dell’asset e sono molto adatte per le opzioni binarie a breve termine.

Ciò vuol dire che se il sottostante non ha un andamento dinamico (saliscendi dei prezzi), così come evidenziato dagli oscillatori di mercato, queste strategie si rivelano ben presto inutili.

La strategia bungee o strategia della gabbia

Un esempio è rappresentato dalla strategia “bungee” o anzidetta della “gabbia”.

Dobbiamo cercare di costruire una gabbia di valori, acquistando simultaneamente una call, in caso di attese rialziste, ed una put, con scadenza differita.

Se il sottostante è estremamente volatile e segue un saliscendi di mercato molto veloce, di conseguenza, tale strategia si rivela adatta perché consente di ottenere:

  • il rendimento per l’azzecco previsionale dell’attesa rialzista dei prezzi, con l’acquisto della call
  • il rendimento per l’azzecco previsionale dell’attesa ribassista dei prezzi, andando, una volta raggiunta la soglia di resistenza, il sottostante a toccare i valori intermedi tra lo strike price della call (più basso) e lo strike price della put (più elevato) che congiuntamente vanno a formare un corridoio o una gabbia di valori.

Male che va, si guadagna sull’una e si perde sull’altra, facendo una compensazione dei guadagni con le perdite.

L’approccio strategico delle medie mobili

Le medie mobili, rispetto alla strategia della “gabbia” sono meno semplici da applicare nel senso che bisogna riuscire ad impostare il grafico che deve incorporare la “trend line” (il trend corrente dei prezzi), la curva media mobile veloce (impostata su un frame rate di breve termine), la curva media mobile lenta (impostata su un lasso di tempo più lungo).

Ma una volta scelto il tipo di media da utilizzare e verificata la sua consistenza rispetto al nostro sottostante, una volta impostati i parametri del nostro grafico, si può ben presto procedere con l’interpretazione, ai fini dell’ingresso sul mercato.

E’ chiaro, intuitivo e semplice che se la media mobile veloce incrocia la trend line prima di quella lenta, è da attendersi un aumento dei prezzi. Quindi, ci procuriamo una call e viceversa.

Questo tipo di strategia è anch’essa semplice da utilizzare ma, rispetto alla prima, richiede un po’ di analisi tecnica e la capacità di adattare il modello previsionale al sottostante su cui investire (potete approfondire in “migliori medie mobili per seguire il trend di mercato“). Non sempre i modelli funzionano, soprattutto per alcuni tipi di sottostanti soggetti a forti saliscendi, dove è più adatta la prima strategia, rispetto a questa che ha degli spazi interpretativi.

Ecco perché sono state introdotte le opzioni binarie a 30 secondi (si tratta della nuova scadenza ancora più ridotta offerta 24Option): per valorizzare la tipicità di alcuni asset che sono molto volatili, più degli altri. Tra l’altro potrebbe essere interessante per voi valutare un confronto tra le opzioni 30 secondi e le 60 secondi.

In conclusione, può convenire utilizzare semplici strategie per le opzioni binarie, purché siano adattate al tipo di mercato e al tipo di sottostante su cui abbiamo deciso di investire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *