Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

E’ davvero semplice fare trading con le opzioni binarie?

Consigliati 
logo optionbitRendimenti delle
60 secondi al 76%


Software trading Automatico

Visita OptionBit

iqoption_logo_miniDeposito minimo 10$

Trade minimo 1$


Visita Iqoption

guadagnare soldi

Fare trading con le opzioni binarie non è complicato, anche se siamo alle prime armi. E’ sufficiente un po’ di impegno e potremo metterci al passo con i migliori trader professionisti perfezionando, dopo anni di costante applicazione, modelli di analisi tecnica coltivati con l’esperienza di trading, dedicandoci all’analisi fondamentale, reagendo prontamente ai rumours economici.

Spesso le migliori piattaforme di opzioni binarie offrono degli interessanti spunti tramite e-book. I trader professionisti che hanno cercato di offrire il loro personale contributo sono tanti. Vi possiamo consigliare di leggere qualche pubblicazione, giusto per capire di cosa stiamo parlando. Ognuno ha il suo stile personale e man mano lo maturerete con l’esperienza anche voi.

Vediamo alcuni esempi di come è semplice fare trading con le opzioni binarie.

Il broker Option Fair

optionfair logo

www.optionfair.com, tra i migliori broker regolamentati per opzioni binarie offre un’interessante promozione riservata a chi apre un conto di trading: 5 trade a rischio zero. Quindi, avrete la possibilità di fare 5 operazioni, avendo non solo il rendimento, in caso di opzioni binarie in-the-money (previsione positiva) ma anche l’intero capitale impiegato nell’operazione indietro. Pensate all’opportunità di piazzare 5 azzecchi previsionali consecutivi, impiegando il massimo investibile e nelle proprie possibilità. E’ il caso di dire che una piccola concessione di venire meno alle nostre regole di sana e prudente gestione non è assolutamente da buttare via, dato che non rischiando nulla potremmo “rimpolparci” il deposito iniziale.

Vediamo un caso pratico di un’opzione binaria a 60 secondi sugli indici.

dax30

Vi spieghiamo meglio perché le opzioni binarie sono semplici ma non sono una scommessa d’azzardo. In questo esempio, è ben intuibile il motivo.

Chi ha una visione più o meno chiara di come si comporterà il Dax 30 future (indice benchmark), sa bene il momento in cui entrare nel mercato. Non possiamo affermare che le previsioni diano esito certo. La certezza non esiste, ma la probabilità di maggiore realizzazione di un evento atteso, sì.

Ciò che manca in tale grafico real-time è l’evidenza dinamica delle soglie di supporto e di resistenza, informazione che dobbiamo essere in grado di elaborare noi, a seconda della strategia che intendiamo seguire.

Ma, come già potete constatare, l’indice dopo aver fatto una “picchiata” verso il basso delle quotazioni (livello di supporto dinamico) ha di nuovo avuto una fase rialzista. Qual è la principale difficoltà di tale sottostante che lo rende rischioso? I frequenti “swing” dei prezzi o rintocchi ci possono far prendere la “dritta” sbagliata se non facciamo attenzione ad individuarli.

Nella parte iniziale del grafico il livello di quotazioni, dopo essere sceso al di sotto di 9,495, ha fatto un movimento a ziz-zag. Quello era il momento sbagliato è più rischioso per entrare al rialzo, ipotizzando che il prezzo di mercato (quello a cui abbiamo iniziato l’operazione di trading) sia compreso in una “gabbia di valori” tra il minimo raggiunto e la punta di massimo raggiunta giusto quel poco che bastava per ricominciare il movimento di breve calo dei prezzi. Un buon ingresso al rialzo sul mercato lo abbiamo, subito dopo, nella parte centrale del grafico dove si raggiunge quota 9,50 in netto rialzo. Una 60 secondi al rialzo sarebbe stata l’ideale.

Come possiamo capire il momento giusto per entrare tatticamente sul mercato? Ci può aiutare l’analisi tecnica ed ogni strumento utile (candele giapponesi, oscillatori di mercato). Possiamo essere ben sicuri che il sottostante lo dobbiamo imparare a studiare e tenere sotto osservazione nel tempo per capire come si comporta.

Per il resto, solo questo studio magari è a discrezione della valutazione del trader e del suo stile e potrebbe essere la parte più “difficile”. Ma una volta fatte le proprie previsioni, arriva il bello. E’ semplice fare trading con le opzioni binarie.

Se vogliamo effettuare una previsione al rialzo, premiamo su alto non appena il prezzo di mercato è il livello da noi cercato, nella tempistica giusta. E non ci resta che attendere l’esito della previsione in soli 60 secondi. Se abbiamo avuto ragione guadagniamo il 70% sull’importo investito. In caso di opzione out of the money ci viene garantito lo 0%. Quindi perdiamo l’intero capitale, e non più di questo.

Tra l’altro, i migliori broker regolamentati con licenza europea spesso, sul loro portale, hanno attivato il servizio di traduzione nelle lingue internazionali (tra cui l’italiano). Quindi, possiamo senza troppo complicarci la vita leggere quello che ci viene chiesto per quel tipo di opzione e fare la nostra previsione, semplicemente digitando l’importo e con un punta e clicca selezionare alto/basso. Dobbiamo, in questo caso, capire se il Dax 30 future alla scadenza (60 secondi) chiuderà al di sopra o al di sotto del prezzo di mercato. Qual è il prezzo di mercato? Quello a cui abbiamo iniziato il trade, al rialzo o al ribasso.

Nulla di più semplice. Allora, cosa aspettate ad iniziare a fare trading con le opzioni binarie?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *