Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

I Payouts delle Opzioni Binarie – prima parte –

Consigliati 
logo optionbitRendimenti delle
60 secondi al 76%


Software trading Automatico

Visita OptionBit

iqoption_logo_miniDeposito minimo 10$

Trade minimo 1$


Visita Iqoption

Se le opzioni binarie hanno riscosso un notevole successo un motivo ci sarà, probabilmente questo è decisamente legato ai rendimenti, cioè alle vincite o payouts.

Quali sono le vincite?

Nelle opzioni binarie le vincite sono i guadagni che un trader ottiene investendo e attuando scommesse vincenti nel mercato delle opzioni binarie.

Payouts o rendimenti delle opzioni binarie

Come vengono calcolati i rendimenti?

Tutte le piattaforme di opzioni binarie indicano in maniera ben visibile la percentuale di un trade vincente, la vincita è quindi una somma di tale percentuale di profitto sommata all’importo dell’investimento. Ad esempio, se un trader investe $100 in un trade con una quota di vincita del 75%, la vincita di questo commercio se finisce “in the money”, cioè in positivo è di $100 + (75% di $100) = $175. Così il payout per questo commercio è di $175.

payouts

Pagamenti tra contratti commerciali

I contratti di opzioni binarie hanno diversi tassi di vincita. In generale la maggior parte dei contratti delle opzione binarie pagano tra il 65% e il 90% sulle compravendite; ci sono alcuni broker che offrono la possibilità di ottenere un rimborso del capitale investito se il commercio finisce perdente.

Questo rimborso percentuale non supera mai il 15% e viene calcolato sull’importo investito. Un trader può scegliere di non accettare la restituzione, in questo caso deve selezionare opzioni senza tasso di assicurazione; questa soluzione spesso offre opzioni con rendimenti maggiori.

Vi sono poi le opzioni builder dove è lo stesso trader a decidere la percentuale di rendimento nonché quella di rimborso. E’ importante sapere però che più si punta a percentuali di rendimento elevate, minore sarà la percentuale di rimborso, e viceversa. Così, quando si imposta una operazione, il trader può optare per un payout del tipo 80:10 cioè 80% di profitto e rimborso del 10%, oppure per un commercio di profitto del 90% ed un rimborso pari a zero, come del resto altre soluzioni quali 60:20, 50:30 e così via.

Alcuni contratti quali le opzioni ad alto rendimento (High Yield, touch su piattaforme come 24option oppure Optionbit) offrono vincite fino a 500%. La vincita esatta per un commercio differisce da un intermediario all’altro.

Quanto si guadagna?

Nel mercato delle opzioni binarie gli operatori sono differenti, a volte aprono posizioni con rendimenti di circa l’80%, altre volte anche del 600%. Prendiamo il caso di un commerciante che chiamiamo Alex A, che è su una piattaforma di opzioni binarie che offre una scommessa per 6 volte il suo investimento se è in grado di prevedere che l’ultimo prezzo del bene chiuderà al di sopra di una certa soglia.

Egli non ha alcuna strategia in atto per stabilire che il prezzo del bene raggiungerà l’obiettivo desiderato, ma ha la sensazione di farcela. Decide, quindi, di investire $100 al fine di ottenere un enorme premio di $600. Una mossa intelligente? Lo vedremo.

C’è un altro commerciante di nome Trader B, che è anch’esso sulla stessa piattaforma, tuttavia decide che la scommessa è troppo rischiosa per lui e decide di scambiare una Touch / No Touch sulla stessa piattaforma che offre un payout dell’80%.

Decide anche di investire $100 nel suo trade, sapendo che la sua vincita sarà di $180 (capitale + profitto). Il suo strumento di commercio utilizza un modello grafico che mostra una continuazione del prezzo del bene nella direzione scelta.

La domanda è: quale di questi due operatori ha più probabilità di arrivare al suo obiettivo? Per rispondere a questa domanda, dobbiamo andare all’articolo seguente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *