Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

I termini più comuni nel mondo del forex

Consigliati 
logo optionbitRendimenti delle
60 secondi al 76%


Software trading Automatico

Visita OptionBit

iqoption_logo_miniDeposito minimo 10$

Trade minimo 1$


Visita Iqoption

glossario forex

Cominciamo a prendere confidenza con alcuni dei termini che inevitabilmente avrai sentito parlare nei tuoi primi approcci del forex. Per lo più termini inglesi, salvo rare eccezioni che tuttavia hanno tutte un loro perché.

Major, cross rates, spread pip, quota e lotto? Scopriamo il reale significato.

Lo spread

Lo spread è il differenziale tra il prezzo di acquisto e di vendita di una valuta. Questo primo termine, indica il differenziale presente tra il prezzo di acquisto e di vendita di una determinate valuta. Generalmente in ogni operazione sul forex, per ogni valuta sarà inserito il prezzo di acquisto e di vendita e dalla loro differenza si determinerà tale valore.

Lo spread tuttavia dipende da una serie di fattori quali le condizioni generiche presenti sul mercato e la liquidità di ogni valuta. Lo spread è misurato mediante un indicatore noto come PiIp, che rappresenta la quarta unità decimale sul prezzo della valuta e garantisce una visione immediata degli spostamenti di valore della valuta rispetto al tasso di cambio vigente in quel momento.

Major e cross rates tra i principali termini del forex

Quando parliamo di valute nel forex, dobbiamo inoltre considerare che esistono delle valute che inevitabilmente sono più utilizzate rispetto ad altre. E’ questo il caso delle major, come nel caso del cambio euro e dollaro americano, tra lo yen e il dollaro americano e tra la sterlina ed il dollaro americano. Di tassi di cambio che per comodità o per una migliore ottica dal punto di vista visivo possiamo suddividere in:

– EUR/ USD – JPY/ USD – GBP/ USD

Inoltre se le suddette contrattazioni presentano come valuta di riferimento sempre il dollaro, come ad esempio nei precedenti due casi di euro e yen contro il dollaro, il termine di riferimento utilizzato sarà di cross rates.

La quota utilizzata per riportare il valore del tasso di cambio

Finalmente un valore italiano, utilizzato nel forex per riportare il valore del tasso di cambio. Quante volte avete sentito dire la valuta X è quotata ad un prezzo beta? Questo ne è il caso.

Tuttavia quando parliamo di quota, dobbiamo tenere conto di due valute rapportate tra loro in cui il primo valore rappresenta la valuta certa con dei valori pari a una unità, mentre la seconda valuta è incerta e dipende dai continui cambiamenti presenti sul mercato.

Se leggiamo ad esempio EUR/ USD quota a 1,50, letteralmente stiamo optando per uno scambio tra una valuta euro ed una valuta dollaro americano. L’Euro rappresenta la valuta certa pari a un’unità, mentre il dollaro rappresenta la moneta incerta che in questo momento vale 1,50. Di conseguenza per ogni euro il relativo controvalore è di 1,50 dollari. Se cambia la quotazione, anche il controvalore sarà diverso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *