Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Il sistema migliore per fare trading in opzioni binarie

Consigliati 
logo optionbitRendimenti delle
60 secondi al 76%


Software trading Automatico

Visita OptionBit

iqoption_logo_miniDeposito minimo 10$

Trade minimo 1$


Visita Iqoption

azioni-in-opzioni-binarie

Cerchiamo di capire quali sono gli approcci giusti da utilizzare con le opzioni binarie. Innanzitutto, premettiamo che non esiste un modo migliore ed universale per guadagnare con le opzioni binarie.

Già tale fisima in passato sovvenne ad un trader professionista che volle dimostrare la possibilità di ottenere guadagni di un certo livello anche da parte di chi era senza esperienza nel mondo del trading. Congegnò una serie di regole e le incorporò in quello che conosciamo oggi come “Turtle System”.

Il fatto sta che inizialmente il suo esperimento sembrava funzionare ma nel tempo cominciarono ad esserci le prime falle. Siccome l’intento era, appunto, di creare un “sistema migliore” per fare trading binario, oggi cerchiamo di capire perché non poteva essere migliore degli altri e perché non esiste un sistema migliore per le opzioni binarie.

Ecco la base portante del Turtle System

Le regole del Turtle System che oggi spopola tra gli aspiranti traders alla ricerca di un modo migliore per fare trading si basano sui fondamenti del trend following. I software automatici non fanno che dare segnali sulla base delle evidenze dei prezzi, per quanto riguarda il trading binario.

Chiaramente la complessità del processo decisionale aumenta con il forex, in cui bisogna decidere anche di fissare gli stop loss. La logica ricorrente che cominciò a mettere “le radici” proprio nel Turtle System è del tipo: “taglia le perdite e lascia correre i profitti”. Non importa quanto si guadagni o si perda, ma l’importante è la performance media di guadagno che può essere migliorata solo seguendo il più possibile il mercato.

Partiamo dal concetto di “volatilità” che è una delle caratteristiche fondamentali di cui il famoso trader tenne conto per sviluppare le basi del suo sistema di trading.

Dovete sapere che tale trading system risultò talmente importante da porre le basi della nascita di un nuovo indicatore che oggigiorno è molto utilizzato nelle piattaforme di trading. Si tratta dell’ATR (Average True Range). Qui potete leggere i migliori indicatori per il trading binario, compreso anche uno che rispecchia similarmente le caratteristiche dell’ATR. Si tratta dell’ADX.

Come abbiamo già più volte sottolineato, il mercato del sottostante può caratterizzarsi di

  • direzionalità. I prezzi tendono, senza ombra di dubbio e con pochi scostamenti laterali, a raggiungere in modo per lo più piatto il trend primario o di fondo
  • volatilità (qui potete leggere alcuni accenni sulle strategie di compressione della volatilità). I prezzi, a prescindere dal fatto che devino verso altri livelli intra-day, tendono a muoversi con una certa intensità in brevi spazi di tempo, variando a salti. Quindi, spiegando il tutto in termini di candele giapponesi ciò vorrebbe dire che si hanno per ogni candela giapponese, nel frame rate ideale all’asset osservato, delle lunghe ombre inferiori o superiori. I prezzi oscillano con una certa intensità.

Le regole di trend following (seguire il mercato Vs anticipare il mercato) sono basate tutte sul concetto “stocastico” di volatilità e, sulla base di esso, sarebbero state fornite ai traders i migliori punti di ingresso o di uscita dal mercato e la direzione da prendere.

Come si calcola l’indicatore ATR (Average True Range)

Ecco i dati di cui abbiamo bisogno, una volta fissato il frame rate ideale. Cosa è il frame rate? E’ l’intervallo di analisi entro il quale calcoliamo il prezzo di apertura ed il prezzo di chiusura del trade. Bisogna sceglierlo sulla base del tipo di volatilità dell’asset osservato.

Ci servono:

  • il prezzo massimo nel tempo considerato
  • il prezzo minimo
  • il prezzo di chiusura

Average vuol dire valore medio. Quindi, una media del “True Range” (il nostro intervallo di riferimento).

Come si calcola il “True Range”? Esso è il valore massimo tra:

  • lo scarto tra il valore massimo ed il valore minimo osservato
  • lo scarto tra il valore massimo ed il prezzo di chiusura dell’istante precedente
  • lo scarto tra il valore massimo ed il prezzo di chiusura dell’istante precedente

Man mano che scorre il tempo, nell’intervallo che ci interessa, calcoliamo, quindi, i differenti “True Range”, per poi andare a farne la media.

Che indicazioni ci può fornire tale indicatore? Tutto dipende da quanto il risultato sia grande.

Valori alti di ATR sottintendono un’alta escursione dei prezzi in un determinato “range” dei prezzi e, di conseguenza, ci si può aspettare un cambiamento (inversione di tendenza, fase di incertezza del mercato e consolidamento dei prezzi). Se, invece, la volatilità è bassa molto probabilmente il sottostante non avrà la forza per cambiare

Ecco un esempio di un asset che sulla base delle ultime notizie economiche è caratterizzato più da direzionalità che da volatilità. La volatilità non implica e non esclude la direzionalità. La piattaforma di riferimento è Anyoption tra i migliori broker del settore:

petrolio

Come potete però notare, al di là della valutazione di natura complessiva, non mancano le micro-deviazioni laterali dei prezzi che andrebbero scorporate e ridimensionate con frame rate più piccoli, per coglierne indicazioni importanti. Ad esempio, chi si sarebbe aspettato che il petrolio, di punto in bianco, avesse preso una rotta ascendente (è allarme rosso per il crollo delle quotazioni del greggio), a partire dalle 19:30. Il mercato lascia sempre segnali e sono quelli che legge il trend follower.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *