Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Investimenti troppo aleatori? Meglio rifugiarsi nella liquidità

Consigliati 
logo optionbitRendimenti delle
60 secondi al 76%


Software trading Automatico

Visita OptionBit

iqoption_logo_miniDeposito minimo 10$

Trade minimo 1$


Visita Iqoption

In tempi – come quelli attuali – in cui gli investimenti finanziari sembrano essere contraddistinti da un contesto troppo aleatorio, non è sbagliato rifugiarsi nella liquidità. È d’altronde evidente che, da qualsiasi punto di vista si osservino i mercati finanziari, è oggi molto complicato prendere delle decisioni di investimento da parte del piccolo risparmiatore.

Qualche esempio? Per quanto concerne l’azionario, i titoli rappresentativi delle società sono terminati sotto pressione nelle ultime settimane dopo una prima parte dell’anno particolarmente brillante, e i principali indici mondiali non hanno valutazioni troppo economiche in questo momento. A ciò si aggiunga il fatto che l’Europa registra una volatilità alle stelle, e sta perdendo progressivamente forza rispetto ai mercati americani.

L’obbligazionario vede rendimenti dei bond ai minimi dopo anni di immissioni di liquidità da parte delle banche centrali. A partire da metà aprile è stato avvertito un crescente nervosismo sulle obbligazioni sovrane in vista dell’inevitabile ripresa dei tassi di interesse e in poche settimane il Bund è quindi passato dallo 0,1% all’1%. Un rialzo dei rendimenti può significare pesanti perdite in quota capitale in caso di vendita dei titoli.

Se ci si sposta sulle materie prime, la situazione non cambia, visto e considerato che le commodities non forniscono segnali di risveglio significativo. Si dia un’occhiata di esempio all’oro: nonostante le perturbazioni che avrebbero dovuto far rieleggere l’oro come asset di rifugio per eccellenza, l’oro vede le sue quotazioni rimanere abbondantemente sotto quota 1.200 dollari l’oncia. A proposito di beni rifugio, uno di questi è proprio il dollaro, che oggi si attesta intorno ad area 1,10 nei confronti dell’euro. Insomma, un bel pasticcio strategico.

“La decisione di restare liquidi oggi” — spiegava qualche giorno fa sul quotidiano Il Sole 24 Ore Riccardo Foa, partner di Tosetti Value Sim — “si declina diversamente per le diverse tipologia di investitore. Se ho investito da inizio anno e ho quindi riportato risultati positivi, posso mantenere l’azionario al 10 – 15% del mio portafoglio e per il resto mantenere bond con scadenze molto brevi o liquidità prevalentemente in conti di deposito non vincolati. Se mi appresto per la prima volta a investire oggi preferirei restare liquido in attesa degli sviluppi. Quando parlo di liquidità intendo anche avere fino al 20-25% dei propri asset in valute, non euro, preferibilmente dollaro puntando sull’acquisto di Treasury con scadenze molto brevi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *