Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

La miglior valuta di marzo? Il dollaro neozelandese. Cosa c’è dietro il rally?

Consigliati 
logo optionbitRendimenti delle
60 secondi al 76%


Software trading Automatico

Visita OptionBit

iqoption_logo_miniDeposito minimo 10$

Trade minimo 1$


Visita Iqoption

A marzo la valuta più acquistata sul forex è stata finora quella della Nuova Zelanda. Il robusto rialzo messo a segno dalla divisa di Wellington non è casuale.

Dietro il boom c’è una solida prospettiva di miglioramento dell’economia nei prossimi mesi, abbinata alle attese di importanti ritocchi all’insù del costo del denaro da parte della Reserve Bank of New Zealand (RBNZ).

Il dollaro neozelandese sta beneficiando di notevoli flussi di denaro esteri, soprattutto cinesi e di altri paesi del Far East asiatico, e negli ultimi due mesi ha già guadagnato il 7% sul dollaro americano.

Sul forex il tasso di cambio NZD/USD (il cosiddetto “Kiwi”) è salito stanotte sui massimi da agosto 2011 a 0,8695. Da un punto di vista tecnico il cambio potrebbe ambire a nuovi importanti rialzi nei prossimi giorni, in caso di breakout della resistenza di 0,87. Quale potrebbe essere il prossimo target?

Tecnicamente il Kiwi sembra proiettato verso i top del 1° agosto 2011 posti a 0,8843. Tuttavia, se le quotazioni dovessero riuscire a mettersi alle spalle anche la fondamentale area di resistenza di 0,8850, il Kiwi dovrebbe mettere il turbo e salire sui massimi di sempre puntando subito a quota 0,90. Le autorità monetarie di Wellington per ora non sembrano molto preoccupate per il forte apprezzamento della valuta domestica e sperano in interventi decisi delle autorità governative di Pechino per migliorare il commercio con la Cina.

crescita dollaro neozelandese

Il gigante asiatico è un importante partner commerciale di Wellington, dal quale importa grossi quantitativi di materie prime agricole e in particolare di latte in polvere. Da un punto di vista prospettico il dollaro neozelandese sembra essere destinato a nuovi rally, ma non solo contro il dollaro americano. Le aspettative di aumento dei tassi nei dodici prossimi mesi (dall’attuale 2,75% al 4,75%) dovrebbero sostenere ancora la valuta oceanica, che stanotte è salita sui massimi degli ultimi 10 mesi sull’euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *