Le bande di Bollinger. In cosa consistono?

Consigliati 
logo optionbitRendimenti delle
60 secondi al 76%


Software trading Automatico

Visita OptionBit

logo_tradersleaderDeposito minimo 50$

Trade minimo 1$


Visita Tradersleader

bande di bollinger

Le bande di Bollinger. Un altro strumento strategico a disposizione di quanti si occupano di trading e forex, e soprattutto se gli investimenti si basano sull’acquisto e vendita di opzioni binarie.

L’obiettivo che ha in comune ogni investitore di opzioni binarie è il voler anticipare il mercato, carpendo nel tempo utile l’inversione di rotta del trend (salvo che non si tratti di opzioni con finalità di hedging).

Si tratta di strategie direzionali, trend-following, diversamente strutturate, a seconda del tipo di investimento, delle caratteristiche del trend (presenza di ampia volatilità o meno, presenza di andamenti ciclici o anti-ciclici, presenza di fasi laterali).

Un metodo semplificato, basato sul concetto di media

La strategia Martingala, rispetto alle bande di bollinger, richiede che il titolo o valore quotato sia volatile, in quanto bisogna reiterare le scommesse, sino ad individuare il momento giusto per piazzare la scommessa vincente. L’analisi tecnica preventiva viene, nel caso della strategia martingala, vista come una sorta di optional, utile, a seconda delle esigenze di chi investe.

Le bande di Bollinger presentano, invece, un’importante differenza. Si basano sull’attestarsi tipico del titolo attorno ad un valore medio, da individuare preventivamente. Verrà, pertanto, costruita una banda inferiore e superiore. Il framerate (intervallo temporale dell’investimento) può essere più o meno breve. Anche framerate piuttosto ridotti richiedono però che si abbia consapevolezza delle tipicità insite nel trend del titolo o valore quotato su cui si desidera investire.

Un errore comune. Non studiare i livelli di supporto o resistenza.

Chi adotta il metodo delle “Bande di Bollinger” ha assolutamente bisogno di studiare i livelli di supporto o resistenza, in quanto deve cogliere le tipicità insite nel titolo.

Spieghiamo meglio che cosa si intende per supporto e per resistenza.

In sostanza, viene individuato un prezzo minimo ed un prezzo massimo entro il quale tende ad attestarsi il trend.

Il prezzo minimo segna il livello di supporto: da quel punto in poi, gli investitori si attendono che le quotazioni ufficiali del titolo aumentino. Quindi? Se si è nel mondo delle opzioni binarie, conviene acquistare una call (compro oggi per vendere domani). Nel migliore dei casi, i prezzi raggiungeranno i livelli di resistenza, ma bisogna essere veloci ad esercitare l’opzione, in quanto, da quel punto in poi, le quotazioni ufficiali tendono a scendere.

Chiaramente, può sempre capitare che l’andamento o trend del titolo “rompa gli schemi”, nel senso che per effetto ad es. di un eccessivo volume transato si abbia una salita più reattiva, più veloce dei prezzi, superando quella che era stata individuata come resistenza, o viceversa. Ma tutto, se il titolo è adatto per tale tipo di strategia detta delle “Bande di Bollinger”, tenderà a normalizzarsi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>