Nestlé investe nel farmaceutico ma nessuna sorpresa

Consigliati 
logo optionbitRendimenti delle
60 secondi al 76%


Software trading Automatico

Visita OptionBit

logo_tradersleaderDeposito minimo 50$

Trade minimo 1$


Visita Tradersleader

nestlè farmaceutico

E’ proprio vero. Ormai gli investitori non si stupiscono più e così la nuova sulle ultime mosse del colosso svizzero nel settore alimentare (famosissimo per il cioccolato) non ha particolarmente scosso il mercato.

Il titolo incassa solamente il +0,43% e, anzi, gran parte degli analisti tecnici ha previsioni ribassiste di breve periodo sul titolo che potrebbe balzare dagli attuali livelli di 69,85 a nuovi livelli di supporto 56,20.

Raccomandazioni “to sell” per il titolo e, dunque, posizioni short.

Ma vediamo nello specifico quali sono le ultime novità sull’azienda famosa in tutto il mondo.

Nestlé al passo con i tempi per la cura della persona

Nestlé ha colto l’occasione al balzo. Le persone sono più attente alla dieta, al loro aspetto fisico e potrebbero abbandonare alcuni marchi perché li riterrebbero non consoni al loro nuovo stile di vista, salutare e dinamico.

E così, il settore alimentare non si scontra più con il settore della cura della persona. E’ quello che ha detto il colosso svizzero, specializzato nella produzione di cioccolato.

Acquistati dal gruppo canadese “Valeant Pharmaceuticals” i diritti per vendere negli U.S.A. ed in Canada prodotti di dermatologia estetica per il trattamento della pelle. L’investimento nel settore prevede anche l’attivazione di un apposito settore di ricerca e sviluppo, attraverso i consigli di specialisti di settore. Nestlé ha capito che il mercato di oggi richiede, malgrado la crisi economica, adattamento continuo senza aver timore delle nuove sfide.

E’ da attendersi una tale mossa anche da parte degli altri colossi alimentari (pensate anche al caso della bolla albume). Mai come adesso il mercato delle azioni è così movimentato. Giorno per giorno si odono nuovi aggiornamenti su accordi, acquisizioni e fusioni. Sembra che il micro-settore e l’imprenditoria abbiano tolto il posto di comando ai grandi della politica.

E così, nel frattempo che si annuncia il traguardo di stabilità dei prezzi (inflazione nella soglia del 2%), sul fronte dell’Euro, poco interesse da parte degli investitori, interamente concentrati sulle prospettive dell’azionario (Nestlé nell’occhio del mirino). Basti osservare i volumi di liquidità delle azioni quotate.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>