Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Opzioni binarie petrolio, nuovi aggiornamenti sulle scorte di petrolio

Consigliati 
logo optionbitRendimenti delle
60 secondi al 76%


Software trading Automatico

Visita OptionBit

iqoption_logo_miniDeposito minimo 10$

Trade minimo 1$


Visita Iqoption

Qualche giorno fa, lo US Department of Energy (DOE) ha comunicato che la scorsa settimana le scorte totali di petrolio greggio statunitense sono diminuite di 4,41 milioni di barili a 455,28 milioni di barili (-1,0 per cento s/s e +24,5 per cento a/a), mentre le stime di consenso che prevedevano un calo di 1.37 milioni di barili.

Come confermano gli analisti sulla base dei commenti formulati su base statistica, a Cushing le scorte sono diminuite di 0,54 milioni di barili a 57,16 milioni di barili (-0,9 per cento s/s e +217,9 per cento a/a). La produzione è aumentata di 52 mila barili a 9,47 milioni di barili giornalieri, +0,6 per cento s/s e +12,0 per cento a/a. Le scorte di distillati sono invece aumentate di 0,71 milioni di barili a 144,81 milioni di barili, mentre quelle di benzina sono salite di 0,81 milioni di barili a 216,73 milioni di barili.

Complessivamente, i dati ci segnalano come nelle ultime quattro settimane, la domanda di carburanti è stata 9,55 milioni di barili al giorno (+5,4 per cento a/a) mentre l’offerta complessiva è stata di 20,34 milioni di barili al giorno (+3,6 per cento a/a).

Contemporaneamente, ricordiamo come a seguito della pubblicazione dei dati da parte del Dipartimento per l’Energia, il petrolio greggio è immediatamente salito di quotazione, salvo poi crollare quasi subito ben al di sotto del livello a cui quotava prima della pubblicazione dei dati, chiudendo la giornata di ieri in ribasso, con il WTI che ha registrato un calo dell’1,29 per cento ed il Brent che, perdendo lo 0,80 per cento, ha chiuso nuovamente al di sotto dei 50 dollari al barile.

In merito, si segnala come il mercato abbia dato forte peso all’aumento delle scorte di benzina negli Stati Uniti, fatto che segnala bassi consumi. In ogni caso, non sorprende: nella stagione estiva vi è infatti attesa di un calo delle scorte del carburante a fronte dei maggiori spostamenti intrapresi dalla popolazione. Dunque, il fattore evolutivo di breve termine dovrebbe essere quello sopra segnalato, salvo rovesciamenti di opinione che non potranno che essere confermati o smentiti nel corso delle prossime settimane.

Per quanto concerne gli investimenti in opzioni binarie petrolio, ricordiamo che le prospettive di breve termine possono essere focalizzate sulla base dei dati anticipatori del giorno. Rimanete con noi anche nel corso dei prossimi giorni per saperne di più, e avere sostanziali indicazioni in tal senso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *