Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Suggerimenti per sfruttare al meglio le opzioni binarie

Consigliati 
logo optionbitRendimenti delle
60 secondi al 76%


Software trading Automatico

Visita OptionBit

iqoption_logo_miniDeposito minimo 10$

Trade minimo 1$


Visita Iqoption

consigli trading

La prima regola del trading è essere prudenti

Le opzioni binarie sono facili da utilizzare, ma bisogna avere anche le giuste cautele, affinché non si diventi troppo precipitosi nelle proprie scelte di investimento.

Vi lasciamo, quindi, alcuni preziosi suggerimenti per non commettere errori con le opzioni binarie, soprattutto se siete alle “prime armi” con il mondo del trading binario.

Il rischio calcolato è uno dei concetti fondamentali che ci pone una linea di demarcazione netta fra opzioni binarie e scommesse d’azzardo. Con le opzioni binarie è possibile stimare il nostro grado di successo delle previsioni. Vi consigliamo di annotare periodicamente i vostri esiti positivi e negativi di trading, tenendo una sorta di diario. Non è cosa da nulla, visto che vi servirà per scegliere lo stile di trading che fa per voi e che minimizzi le probabilità di insuccesso.

Un buon money management è la prerogativa, soprattutto per evitare di perdere l’intero capitale in un trade sbagliato. Le opzioni binarie classiche vi fanno perdere solo ciò che investite, e non al di fuori di quello. Quindi, puntando il 5% del capitale ed aumentando gradualmente l’esposizione, ci si tiene al sicuro da operazioni azzardate.

Non dimenticate di diversificare l’investimento, sempre se non preferite la scelta di un asset mirato (ad es. commodities, valute) sfruttando la correlazione del mercato.

I segnali di trading forniti dalla piattaforma possono essere utili ma cercate di sviluppare, in autonomia, le informazioni per le elaborazioni di analisi tecnica.

Evitate gli stress e cercate di ragionare sul tipo di mercato

Il conto di trading in opzioni binarie, solitamente non comporta costi di gestione continuativa, né commissioni di trading in funzione della durata dell’operazione così come i CFD. Quindi, vi potete tranquillamente concedere una pausa di riflessione, continuando a tenere sotto d’occhio il mercato e soprattutto se vi rendete conto che la performance media nell’ultimo mese è calata sensibilmente. Alcune piattaforme potrebbero prevedere dei vincoli di utilizzo minimo del conto, pena il passaggio ad account inattivo ma solitamente si tratta di almeno 6 mesi trascorsi senza alcuna operazione di trading, ed ininterrottamente.

Cosa vuol dire ragionare sul tipo di mercato?

Vi facciamo un esempio tale che possiate capire, a livello visivo, quali possono essere le differenze tipiche di alcuni sottostanti.

Di seguito, vediamo la coppia di pair più scambiata, a livello intraday, per i suoi movimenti di rilievo:Euro/Dollaro Usa. Nel medio/lungo termine sembra di poter affermare che la coppia Eur/Usd mostri una tendenza, superiore alla media, al rafforzamento relativo dell’Euro nei confronti del dollaro, almeno secondo le preferenze di politica monetaria dell’Europa e gli ultimi rumours sulla Fed. Ma, a livello intraday, il cambio si muove, e non di poco.

Ecco un esempio, tratto dal broker OptionFair, preso qualche momento prima della chiusura giornaliera della sessione di trading, che è quello in cui la volatilità è minore.

euro1

Come potete vedere, e mancano 59 secondi alla chiusura, l’asset continua ad evidenziare una volatilità non insignificante passando da 1,3350 a 1,3352 con swing continui dei prezzi. Ad occhio nudo, sembrava di poter dire che il prezzo si fosse mantenuto nell’intervallo inferiore, ma eccolo che raggiunge e supera quota 1,33520, riportandosi giù, dopo aver rotto il primo livello di resistenza dinamico.

Quindi, per questo pair è fondamentale capire quali sono i livelli di supporto e resistenza dinamici, conto tenuto che il broker fisserà un livello di prezzo, prossimo al cambiamento dell’inversione di rotta. Ciò è essenziale soprattutto se il prezzo obiettivo è fissato dalla piattaforma.

Vediamo un altro tipo di sottostante che risente maggiormente degli umori del mercato e manifesta meno la volatilità tipica. Abbiamo scelto un’azione tra le più transate che sicuramente conoscerete bene: il titolo Twitter.

twitter

Possiamo affermare che l’asset manifesta dei picchi di volatilità, ma non quanto il caso precedente. I prezzi tendono a concentrarsi in un range più delimitato rispetto a prima. Qui la scadenza è più lontana ma già c’è una tendenziale stazionarietà.

Questi due esempi ci fanno capire come la maniera migliore per sfruttare le opzioni binarie sia acquistare dimestichezza con il mercato, studiarlo, orientare le previsioni. E se ci sono strategie da adottare, queste devono essere adattate non solo al tipo di opzione binaria ma anche al tipo di sottostante su cui si ha deciso di investire. Ad es. se si utilizzano le medie mobili, il frame rate va adattato alla reattività con cui l’asset tende a variare. Ma non tutti riescono a giocherellare con i modelli matematici ed allora ci si deve affidare al trading automatico. Ed anche questo va abbinato. Vi possiamo consigliare di testarne l’efficacia gradualmente, tenuto conto che anche i segnali di trading si basano su algoritmi matematici (procedure alla base degli output, che sono programmate e codificate dall’uomo che le ha pensate).

In conclusione, le opzioni binarie non sono un gioco e per sfruttarle al meglio bisogna essere consapevoli di ogni scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *