Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Teoria di Dow spiegata in parole semplici

Consigliati 
logo optionbitRendimenti delle
60 secondi al 76%


Software trading Automatico

Visita OptionBit

iqoption_logo_miniDeposito minimo 10$

Trade minimo 1$


Visita Iqoption

Il mercato sembra seguire dei trend, o dei sentieri di routine che possono essere studiati e capiti, volta per volta. E tale concezione empirica di mercato implica che i prezzi riflettano non solo il passato ma anche il futuro.

L’asimmetria informativa non è colpa dei prezzi. Non tutti sono d’accordo sulla portata universale della teoria di Dow e vedremo perché.

La teoria di Dow

Sì, fondamentalmente il fatto di dire che il mercato segua per sua ciclicità (ciò dipende però anche dal sottostante) dei trend, vuol dire dare maggiore priorità, con la teoria di Dow, alla strategia di “Trend Following”, rispetto a quella, ugualmente diffusa, di andare contro-corrente il mercato.

In effetti, in determinati casi anche quest’ultima è valida. Ipotizziamo che vi sia un forte “rumore” di mercato, per la caratteristica del target scelto per l’investimento (ad es. pair di valute caratterizzato da una fortissima volatilità oltre i 300 pips o spread Bid/Ask). Non è certo pensabile di seguire un trend che non va delineandosi. Allora si possono intraprendere sostanzialmente due alternative, nel caso la Teoria di Dow non sia adatta per il sottostante, data la forte volatilità fuori da trend storico:

  1.  Cercare di guadagnare dai swing del mercato, utilizzando appositamente gli indicatori di oscillazione ed appositi pattern che evidenziano i movimenti laterali del mercato
  2. Muoversi non nell’ottica del “trend following” ma con il mercato, costruendo via via dei livelli di supporto e resistenza dinamici, se possibile. Si può anche scegliere di conciliarvi la nuova visione del money management, combinata con il risk management, man mano aumentando le posizioni dei trade o diminuendole. Si tratta di tattiche veloci in cui si cavalca, come si suol dire, l’onda.

La teoria di Dow ed i nuovi approcci dinamici al Forex

La teoria di Dow spiega che esistono 3 fasi di cui si compone un trend primario:

– Accumulazione
– Partecipazione
– Distribuzione

teoria di dow

Non si può dire che la teoria di Dow possa essere estesa, per alcuni operatori, dal particolare (osservazione di uno storico dell’azionariato su cui basare le proprie conclusioni, rielaborate poi da un certo Rhea) al generale, tenuto conto che non sempre vi è un equilibrato susseguirsi fra fase di accumulazione (rumors negativi di mercato o entusiastici senza alcuna più influenza), strategia conseguente di trend-following (stabilizzazione delle quotazione intorno ad una tendenza o trend) e fase di distribuzione (vendita delle rispettive azioni, il cui valore di mercato è aumentato. Maggiore portata speculativa del titolo).

Il fatto, però, che siano stati individuati 3 livelli di tendenza (major trend, medium trend e minor trend) non fa che rendere la teoria di Dow adatta particolarmente per alcuni segmenti di operatività, anche intra-day. Quindi, vi è un adattamento delle idee della teoria di Dow in contesti dall’alta volatilità come quelli del Forex, nel presupposto che non necessariamente si ha il tempo di osservare e ricostruire lo storico dei trend (trend dinamico e di breve periodo vs trend statico o storico di medio/lungo termine). Il forex presenta una maggiore dinamica di trend, soprattutto per alcuni pair di valute. Se il major trend originario era di 1 anno, quello scelto da alcuni operatori non supera la settimana.

Non bisogna dimenticare che la Teoria di Dow ha preso come punto di riferimento l’andamento del mercato delle azioni e non il forex.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *